Il Territorio

Portopalo di Capo Passero, una terra ricca tutta da scoprire...

Tra il mare e la città

Posto sulla punta estrema della Sicilia sud-orientale, il caratteristico borgo marinaro su cui si erge il grande faro indicante la punta di Capo Passero.
L'isola di Capopassero e l'isola della Correnti

L'isola di Portopalo

A pochi metri dalla terraferma, c’è l’Isola di Capo Passero, con la sua Fortezza Spagnola e la statua della Madonna. Ancora più a sud si trova l’Isola delle Correnti, posta di fronte ad una spiaggetta che forma una lingua di sabbia tra la terraferma e l’isola.

La vecchia tonnara di Capopassero

La vecchia tonnara

Testimonianza della grande tradizione marinara della zona è la vecchia Tonnara di Portopalo, con la sua loggia, lo stabilimento per la lavorazione del tonno, la grande fornace, i magazzini delle botti e la Chiesa del XVII secolo.

Marzamemi - Pachino

A 7 km da Pachino e Marzamemi

La città di Pachino, di cui fa parte anche il borgo marinaro di Marzamemi, sorge su un piccolo promontorio posto al centro di una piana poco distante dal mare.
L’incantevole borgo marinaro di Marzamemi è conosciuto in tutto il mondo poiché considerato uno dei luoghi più suggestivi della Sicilia. I vicoli e la antiche basole, in cui il passato sembra mischiarsi al presente, raccontano storie di pesca e di pescatori, ma sono anche testimoni del futuro: Marzamemi è diventato un crocevia di culture, tradizioni e modernità. Le acque cristalline dell’estremo lembo di Sicilia sono mete turistiche ricercate sia per il patrimonio archeologico subacqueo, che vanta numerosi siti inabissati di elevato interesse, sia per gli appassionati di surf, grazie alle correnti causate dall’ “abbraccio” tra i mari Jonio e Canale di Sicilia

A 30 km da Noto

La luce che vibra col miele dorato della pietra, le linee morbide delle chiese, il gioco d’ombre delle sue
facciate, ora concave ora convesse, la conquista della verticalità aerea, le fantasmagoriche decorazioni
dei mensoloni panciuti da cui si arricciano ammiccanti putti, sirene, misteriose creature di un Barocco
magico, le scalinate che si arrampicano a grappoli verso la parte alta della città, gli angoli segreti, le
fontane, i suoi campanili svettanti che annegano nell’infinito turchino del cielo… questa è Noto.
Molti sono inoltre gli eventi culturali di grande richiamo. Fra questi certamente il più importante è
l’Infiorata: un grande tappeto di fiori che diviso in sedici quadri ricopre una delle strade più belle di
Noto e della Sicilia: Via Nicolaci, che si svolge la terza domenica di maggio. Ricordiamo anche la
Primavera barocca, Effetto Noto, OltreNoto e Notodinverno.

Noto
Città di Siracusa

A 40 km da Modica

Mòdica, il cui nome originerebbe dal fenicio Mùtika (albergo, dimora: chiara l'analogia con la fenicia Utica, città dove si diede la morte Catone Uticense) o dal siculo Mùrika (roccia nuda, non coltivabile), è situata 15 km a sud del capoluogo di provincia, ed il suo territorio urbano si sviluppa su un esteso altopiano solcato da profondi canyon (detti localmente "cave").
Modica, gioiello dell’arte barocca, è conosciuta in tutto il mondo per la produzione del suo cioccolato realizzato ancora secondo una vecchia ricetta azteca, per la sua particolare lavorazione “ a freddo”; i semi di cacao vengono tostati, macinati e riscaldati a 40 gradi". La città è conosciuta anche come la città "delle 100 Chiese”; su tutte domina la Chiesa di San Giorgio con il suo ampio prospetto barocco e l’imponente scalinata (ben 250 gradini).

A 60 km da Siracusa

Siracusa sorge nel lato sud-orientale della Sicilia. La sua geografia è molto variegata, comprende al suo
interno fiumi e colline, e confina per lo più con il mare, che la circonda in quasi ogni suo lato. Ciò conferisce
al paesaggio la conformazione tipica delle località che sorgono sulla costa: promontori, baie, isole e penisole.
Il litorale siracusano presenta numerose scogliere e diverse spiagge sabbiose.
Siracusa si sviluppa in parte sull'isola di Ortigia e in parte sulla terraferma. Tenendo inoltre presente che l'intera città è situata all'interno dell'isola di Sicilia, e proprio per questa sua peculiarità geografica, Siracusa
è spesso appellata come « isola nell'isola »

Città di Siracusa
Catania

A 100 km da Catania

Catania offre paesaggi eterogenei concentrati in un'area ristretta. Sorge sulla costa orientale dell'isola, ai piedi del vulcano Etna (il vulcano attivo più alto d'Europa) a circa metà strada tra le città di Messina e
Siracusa affacciandosi sul mar Ionio con il golfo che da essa prende il nome.
Il suo territorio comprende anche una consistente parte della piana di Catania ('a Chiana), una tra le più
estese aree coltivate della Sicilia, la cui zona più vicina al mare costituisce l'Oasi del Simeto, riserva
naturale di circa 2.000 ettari. Il verde pubblico è costituito dai parchi situati all'interno della città;
sono sei quelli di una certa grandezza e importanza. La città è attraversata da un fiume sotterraneo, l'Amenano. L'area a sud del Castello Ursino, un tempo sul mare, è invece il prodotto dell'enorme colata
del 1669 che, accerchiatolo, si spinse per qualche chilometro verso il mare. La costa a sud del porto venne
profondamente modificata, formando il litorale sabbioso (la cosiddetta "Plaia").



Desideri ricevere maggiori informazioni? Scrivici